CULTURA ED EVENTI

Il teatro Pacini, dedicato al grande compositore, fu completato nel 1722. Sono quindi 298 anni di attività teatrale nello stesso edificio, ragion per cui possiamo fregiarci del titolo di teatro storico. Oggi come allora continua ad essere un perno importante della vita culturale pesciatina.
Veduta di Pescia, Pierre Mortier 1704
Il Presepe vivente. La manifestazione, che si svolge da molti anni nel greto del fiume Pescia, è ormai una delle più importanti in Toscana nell’ambito delle rievocazioni dei presepi viventi.
Veduta serale del Convento di Colleviti, dell’ordine dei frati Minori Osservanti di San Francesco; la prima pietra del complesso venne posta tra il 1494 e il 1495 e l’edificio si mostra al viaggiatore nella sua eleganza e possenza.
Immagine tipica dei festeggiamenti di Pescia medievale. Questi ultimi si svolgono nei primi giorni di maggio in correlazione alla Festa del SS.Crocifisso e nella settimana antecedente il Palio dei Rioni, nei primi giorni di settembre.
La Biblioteca del Capitolo della Cattedrale nasce intorno alla metà del Seicento. Viene così fondato uno dei centri d’erudizione al tempo più importanti della Valdinievole.
Chiesa della Madonna di Piè di Piazza. Risalente al 1447, chiude la bella e scenografica Piazza Mazzini.
Il lungofiume visto dal ponte che conduce a Piazza San Francesco.
Chiesa dei santi Stefano e Niccolao. Lunetta sovrastante il portale. Mosaico opera di Nino Borghesi che ritrae al centro Santa Dorotea, patrona della città tra i santi Stefano e Niccolao.
La Torre Civica o anche dell’Orologio si erge a pochi metri dal palazzo del Vicario, sede del Comune.
Chiesa della Madonna di Piè di Piazza. Risalente al 1447, chiude la bella e scenografica Piazza Mazzini.
Il lungofiume visto dal ponte che conduce a Piazza San Francesco.
La Fontana di Piazza Matteotti. Detta anche piazza dei “giardini pubblici”, Piazza Matteotti ospita una grande vasca luogo prediletto dai giovani pesciatini di tutte le epoche.
Il territorio di Pescia è attraversato da percorsi antichi e nuovi. Da segnalare il cammino toscano di San Jacopo
Ogni anno la prima domenica di settembre si svolge, nella centralissima piazza Mazzini, il palio dei Rioni. La piazza è da sempre luogo di primaria importanza nella vita della città.
Pescia vanta glorie del ciclismo e da sempre ama accogliere corse ciclistiche.
Pescia è da sempre uno dei mercati dei fiori più importanti d’Italia
La cioncia, forse il piatto più caratteristico della Valdinievole.
Il vecchio mercato dei Fiori di Pescia, in una cartolina d’epoca.
Scala di accesso al Palazzo del Vicario, sede del Comune di Pescia.
La Pieve di Santa Maria Maggiore, già citata in un documento nel 951 è oggi, dopo molte modificazioni una bella Cattedrale, sede della Diocesi di Pescia.
Formata da 230 gessi provenienti direttamente dallo studio dello scultore, la Gipsoteca Libero Andreotti rappresenta una delle raccolte più significative del panorama museale italiano.
Conservata all’interno della Chiesa monumentale di San Francesco, la tavola di Bonaventura Berlinghieri del 1235 è sicuramente la rappresentazione più antica del Santo poverello.
Situato all’interno dell’ex casa del Littorio di Pescia, ufficio periferico del Mibact, l'archivio storico conserva archivi storici di grande prestigio. Degno di nota l’archivio storico dell’economista ginevrino Jean Charles Leonard Simonde de Sismondi (1753-1854).
La sede della biblioteca comunale, fu dimora dell’economista ginevrino JeanCharles - Leonard Simonde de Sismondi.
Da Pescia partono molteplici cammini alla volta delle alture circostanti, prima tra tutte la Valleriana, con le sue Dieci Castella.
Il Fagiolo di Sorana IGP, il prodotto tipico per eccellenza di Pescia.
Le fontane dentro al fiume. Installate agli inizi del secolo su progetto della A. Guastapaglia impresa pesciatina che ha portato nei paesi africani la sua tecnologia di sistemi per l’irrigazione.
Pescia, Piazza del grano. Collocata nel cuore del centro storico, la piazza ospita eventi e manifestazioni per diventare un vero e proprio salotto cittadino.
Il mercato settimanale che si svolge ogni sabato nella centralissima Piazza Mazzini.